fbpx

In autogrill si potrà pagare anche dallo smartphone. Il gruppo Autogrill ha infatti siglato un accordo con Satispay che permette l’utilizzo dell’innovativo sistema di mobile payment all’interno degli oltre 400 punti vendita italiani, dislocati lungo le autostrade, negli aeroporti e nelle stazioni. L’integrazione dei pagamenti da mobile si inserisce in un progetto di digitalizzazione che Autogrill ha iniziato da tempo e rientra nella strategia del gruppo “di garantire ai propri clienti un’esperienza di acquisto ancora più veloce e digitale”, in particolare, si legge in una nota, “in un momento in cui gli strumenti di pagamento che permettono di effettuare acquisti senza toccare contanti o Pos rappresentano un ulteriore elemento di sicurezza”.

Lavoro Smartworking https://youtu.be/j8e_xG-IcGg

Per pagare con Satispay in Autogrill bisognerà selezionare il punto vendita direttamente dalla lista negozi all’interno dell’app, oppure scegliere di inquadrare il QR Code.

LG Electronics ha assicurato che entro il corrente mese di ottobre sarà in vendita anche in Italia il nuovo smartphone Wing. Si tratta di un dispositivo realizzato all’interno dell’Explorer Project, iniziativa ideata dall’azienda coreana per dar vita a prodotti innovativi. E Wing innovativo lo è davvero.

Infatti, a una prima occhiata può sembrare un tradizionale smartphone, con un ampio display OLED da 6,8 pollici privo di notch (la fotocamera frontale è a scomparsa) e con una tripla fotocamera disponibili per soddisfare le tipiche esigenze di navigazione, di intrattenimento social o fotografiche. Tuttavia, ben presto si scopre che il display dello smartphone può ruotare di 90° in senso orario, posizionandosi in orizzontale. Questo rivela la presenza di un secondo display da 3,9 pollici pensato per consentire nuove modalità di fruizione di contenuti.

La logica porta molto facilmente a pensare che LG Wing semplifichi le possibilità di multitasking potendo far girare due app simultaneamente, una per ogni schermo. Oppure che si possano estendere sui due schermi le funzionalità di alcune app per migliorarne la fruizione.

E in effetti queste sono le peculiarità che principalmente caratterizzano uso del nuovo smartphone. Che però va anche oltre.

Perché due schermi sono meglio di uno

Per proporre un prodotto unico come Wing, LG ha collaborato con svariati partner per proporre il software adatto. Così, quando si guarda YouTube o Tubi dal browser preinstallato Naver Whale, lo schermo principale mostra il video mentre il secondo schermo mostra i commenti o la barra di ricerca. È anche possibile vedere i video in modalità full screen e allo stesso tempo interagire con altri utenti attraverso il secondo schermo oppure cercare informazioni sugli attori. Una funzione Multi App permette di impostare collegamenti a coppie di app in modo che si aprano con un solo tocco, ciascuna sul suo schermo.

La modalità con schermo aperto può rivelarsi utile per alcuni impieghi tipici del mondo business, usando i due schermi contemporaneamente con applicazioni diverse o con la stessa app ma per funzioni differenti. Si possono così consultare le indicazioni stradali sullo schermo principale e avere a completa disposizione il secondo schermo per effettuare o ricevere chiamate. Solitamente, quando si usa lo smartphone come navigatore e arriva una telefonata, l’app di navigazione si interrompe.

Allo stesso modo, risulta comodo consultare la posta elettronica sullo schermo principale potendo rispondere alle mail scrivendo sull’altro schermo. Ma è anche possibile invertire gli schermi se si vuole avere a disposizione una tastiera di dimensioni maggiori. Ovviamente un discorso analogo vale quando si deve scrivere un documento.

Un’altra interessante opportunità si ha se si vuole connettere Wing a un display esterno, di grandi dimensioni. In questa situazione si può fare in modo che sul display esterno sia riprodotta l’app che si vede sullo schermo più grande dello smartphone, mentre lo schermo da 3,9 pollici può essere usato come se fosse un pad per il mouse. Infatti, una funzione di Wing consente di far comparire un puntatore che può essere gestito proprio dallo schermo di Wing.

Cambiando l’orientamento di LG Wing si possono inoltre creare nuove possibilità di multitasking e visione di contenuti.

LG Wing offre così funzionalità che solitamente si trovano solo su uno stabilizzatore reale, come un joystick per controllare l’angolazione dell’inquadratura, un blocco per ridurre vibrazioni e sfocature, una modalità per rendere fluidi i video in movimento (Follow Mode), una per ottimizzare il movimento orizzontale durante le riprese delle panoramiche minimizzando gli scostamenti verticali (Pan Follow Mode), e una modalità per catturare movimenti dinamici e ritmici.

Come si diceva, il telefono sarà in vendita entro ottobre. Il prezzo non è ancora stato stabilito. Quello anticipa LG è che sarà compreso tra 1.000 e 2.000 euro, ma lontano dai 2.000 e vicino ai 1.000.